Pawanamuktasana, sequenza yoga  per evacuare tossine e rigidità dal corpo  

Le posture di Pawamuktasana sono necessarie per chi inizia a praticare lo Yoga, per rimuovere contratture, rendere più elastiche le articolazioni e sciogliere eventuali blocchi. Sono anche utili per eliminare tossine dall’organismo, recuperare energia e mantenere il corpo flessibile. Si raccomandano a tutti per riscaldare e allenare ogni singola parte del corpo a sopportare “tensioni”, stiramenti e torsioni più impegnative. Bisogna sempre iniziare con esercizi facili e non stressanti, per permettere al corpo di allungarsi gradualmente e adattarsi a nuovi movimenti e posture.  

                                               
1 Posizione base           
Sedersi a terra e allungare le gambe, la schiena ben diritta.                                                                      Appoggiare le mani sul pavimento dietro al corpo con i gomiti diritti, respirare profondamente
Ogni step va ripetuto per 5-10 volte
 
2, 3, 4 Piedi                                                                                                                                      
Inspirando tenere i piedi a martello, espirando flettere le dita
Inspirando tenere il piede alla verticale, espirando allungarlo verso il pavimento.                   
Tenere le gambe leggermente divaricate.  Ruotare i piedi in senso orario e in senso antiorario.        
L’espirazione avviene quando il piede ruota.
Benefici:  Tutte le asana del piede e del polpaccio aiutano la circolazione della linfa stagnante e la circolazione venosa di ritorno, alleviano stanchezza e i crampi, prevengono la trombosi nei pazienti allettati e nei post operati.

5 Rotazione del ginocchio      
Piegare il ginocchio e tenerlo sollevato con le mani
Ruotare la gamba sotto il ginocchio con un movimento circolare orario e antiorario
La parte superiore della gamba deve restare rigida                                                                                    
Benefici: Le articolazioni del ginocchio sopportano tutto il peso del corpo, non hanno muscoli forti e spesso sono soggette a infortuni, distorsioni e osteoartriti.
Questo esercizio serve a rinforzare i muscoli quadricipiti, i tendini, i legamenti e a mantenere sane e giovani le articolazioni.

6 Mobilizzare le anche

Piegare il ginocchio destro e appoggiare il piede sulla coscia sinistra                              
Premere la mano destra sopra il ginocchio per tenerlo fermo                                                                  Spingere lentamente il ginocchio verso il pavimento            
Ripetere con la gamba sinistra

7, 8 Farfalla
Piegare le ginocchia e unire insieme la pianta dei piedi, i talloni il più possibile vicino al corpo          Tenere i piedi con entrambi le mani.  Muovere le gambe su e giù per 1 minuto 

9, 10, 11 Mani e polsi
Portare la braccia avanti a livello delle spalle con i palmi aperti
Aprire le dita della mano estendendole il più possibile
Chiudere le dita e fare un pugno con il pollice all’interno                                      
Rilasciare di nuovo le dita e allungarle                                                                                                           
Portare la braccia avanti a livello delle spalle, le dita unite                                                                  
Stendere le mani all’indietro a partire dal polso con le dita rivolte all’insù                                              
Poi allungare le dita in giù, il polso rivolto verso il pavimento                              
Fare i pugni e ruotarli lentamente in senso orario e antiorario

12, 13 Gomitie spalle
Sollevare le braccia e appoggiare le mani sulle spalle. Rilassare le spalle,
il collo e il viso.Inspirando fate dei movimenti di rotazione delle spalle con i gomiti in
avanti facendoli salire verso l’alto.
Espirando continuare la rotazione riportando i gomiti verso il basso.
Ripetete almeno 5 volte nei 2 sensi di rotazione.                                                                                                                                                                          
14, 15 Allungamento del collo e delle cervicali     
Inspirate, poi espirando piegate la testa in avanti cercando di portare il mento al petto (fig. 1)
Inspirando tornate al centro.
Espirando piegate la testa all’indietro.
Inspirando riportate la testa al centro.
Espirando piegate la testa a destra cercando di toccare la spalla con l’orecchio (fig.2),
inspirando tornate al centro.
Fate lo stesso a sinistra.
Inspirando ed espirando molto lentamente, eseguite delle rotazioni complete della testa, in senso orario e antiorario. Ruotatela verso il basso, poi a destra, passando sulla spalla destra, indietro, passando sulla spalla sinistra e poi in basso, sullo sterno, con dei movimenti lenti e controllati.